Drop us a Line

Lorem ipsum dolor sit amet,
consectetuer ux adipis cing elit, sed

NAME@YOURSITE.COM

en
it

Quadro indiziario e irregolarità giustificano lo scioglimento degli Organi comunali

Con una recente sentenza, il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio ha chiarito che un delineato, e sufficiente, quadro indiziario, letto e valutato unitamente alle ulteriori circostanze attinenti alle numerose irregolarità amministrative riscontrate e riportate nella relazione della commissione d’accesso, acquista concretezza ove valutato nel suo complesso e alla luce del contesto ambientale tale da giustificare l’adozione del provvedimento sanzionatorio di scioglimento degli Organi comunali per infiltrazioni mafiose.

Afferma, quindi, il Giudice che “Il complesso quadro individuato, in conclusione, alla luce della più volte ricordata necessità di una valutazione unitaria dei fatti, non viene in concreto depotenziato dalle singole contestazioni contenute in atti, che pur facendo emergere l’esistenza di alcune inesattezze, non risultano idonee ad elidere i profili di forte e decisa valenza rivelatrice dei collegamenti esistenti tra gli amministratori locali e la criminalità organizzata e dei conseguenti condizionamenti che gli stessi palesemente manifestano, gli effetti dei quali vanno sempre valutati tenendo conto delle circostanze ambientali e dell’implausibilità di una lettura complessiva alternativa (cfr., per fattispecie similare Consiglio di Stato, sentenza n. 197/2016)”.

 

Scarica la sentenza

 

Share on: