Drop us a Line

Lorem ipsum dolor sit amet,
consectetuer ux adipis cing elit, sed

NAME@YOURSITE.COM

en
it

CDRA vince per il Consorzio Stabile Conpat dinanzi al TAR Sicilia Palermo

Share on:

CDRA, con gli Avv.ti Carlo Comandè, Enzo Puccio e Patrizia Saiya ha ottenuto per il R.T.I. Consorzio Stabile Conpat S.C.A R.L.Emmecci S.r.l. la conferma degli atti di aggiudicazione dei “Lavori di realizzazione del tratto terminale della banchina di riva nord, dei piazzali retrostanti ed opere di alaggio del porto di Sciacca (AG)” del valore di oltre €.6.000.000,00.

In particolare, con sentenza n. 187/2020 del TAR Sicilia Palermo, in accoglimento delle difese spiegate da CDRA, sono stati sanciti alcuni importanti principi in materia di presentazione delle offerte tecniche nonché in ordine agli oneri dichiarativi che gravano sui concorrenti al fine di comprovare la loro moralità professionale.

In primo luogo – a fronte di una clausola del bando di gara secondo la quale, per ottenere il punteggio aggiuntivo per la riduzione dei tempi di realizzazione dei lavori, i concorrenti avrebbero dovuto allegare al cronoprogramma un documento esplicativo – è stato chiarito come risulta legittima la decisione della commissione di gara di non attribuire il relativo punteggio al concorrente che non aveva fornito, in sede di gara ed in nessuna forma, alcuna giustificazione della riduzione dei tempi proposta, in quanto risultava disattesa un’espressa indicazione degli atti di gara, non potendosi accedere al soccorso istruttorio poiché pacificamente non ammesso per le carenze dell’offerta tecnica.

Inoltre, il TAR Sicilia Palermo ha chiarito che non integra motivo di esclusione dalla gara né, tantomeno, ipotesi di falsa dichiarazione, la mancata elencazione da parte del concorrente delle iscrizioni esistenti nel casellario informatico tenuto dall’Osservatorio dell’ANAC, in quanto non risultava alcuna disposizione degli atti di gara che richiedesse ai concorrenti di dichiarare qualsiasi iscrizione ad essi relativa contenuta nel casellario informatico tenuto dall’Osservatorio dell’ANAC né, invero, tale obbligo poteva rinvenirsi dalle disposizioni contenute nel codice degli appalti.